ETV 24/7 BreakingNewsShow : Cliccate nantu à u buttone di volumu (in basso à sinistra di u schermu video)
News

A rinascita di a tradizione di u Pacificu hè u scopu di u viaghju epicu

Auckland - Una flotta di sei canoe à doppiu scafu salparà da a Polinesia francese per Hawaii l'annu prossimu dopu à l'antica scia di una di e più grandi migrazioni di u mondu.

Print Friendly, PDF è Email

Auckland - Una flotta di sei canoe à doppiu scafu salparà da a Polinesia francese per Hawaii l'annu prossimu dopu à l'antica scia di una di e più grandi migrazioni di u mondu.

Ma u viaghju di 4,000 chilometri (2,500 miglia) da u core tradiziunale di a Polinesia orientale in l'isula di Raiatea da 16 equipaghji forti di sei isule di a Polinesia hà per scopu di fà di più cà ricreà a storia.

"Ciò chì hè più impurtante ch'è a visione à breve termine di navigà in Hawaii hè a visione à longu andà di rigenerà e cumpetenze di viaghju è e tradizioni di i nostri antenati", dice Te Aturangi Nepia-Clamp, manager di u prugettu Pacific Voyaging Canoes.

U neozelandese Maori dice chì u prugettu hà da custruisce l'orgogliu è l'identità polinesiana mettendu in risaltu e rializazioni di l'antenati chì si sò stallati piccule isule sparse in un vastu oceanu chì copre più di un quartu di u globu.

«I nostri antenati anu fattu ste canoe stanche cù un legnu inadeguatu, aduprendu arnesi in petra per foralli è calfateli, attaccenduli inseme cù una funa di fibra di coccu.

"E dopu anu fattu questi viaghji incredibili migliaia d'anni prima chì l'Europeani eranu fiduciosi di esce da a vista di a terra", hà dettu à l'AFP.

Circa 3,000 à 4,000 anni fà, u populu Lapita - cridutu d'avè migratu prima da u sudu di a China prima di sparghje si per l'Asia sudorientale - hà iniziatu à stallà l'isule di Melanesia è di a Polinesia occidentale.

Circa 1,000 anni dopu, i so discendenti cumincianu à sparghje in isule in a Polinesia orientale, ghjunghjendu infine à l'avamposti di u Pacificu di Hawaii, Nova Zelanda è Isula di Pasqua.

Senza mappe o strumenti, i navigatori polinesiani anu adupratu e stelle, u sole, a cunniscenza di l'ondulazioni di u mare è di i venti per guidà un percorsu per isole minuscule chì punteghjanu una distesa d'oceanu.

U grande viaghju era calatu da 1500 è da quandu i primi espluratori europei anu visitatu u Pacificu in i seculi XVII è XVIII, e grandi canoe à vela oceaniche si truvavanu solu in poche regioni.

Avà, in un cantieru di battelli annantu à un bracciu isolatu di u portu di Waitemata d'Auckland, trè di e canoe à doppiu scafu per u novu viaghju sò digià state custruite, cù almenu trè altri da compie da nuvembre.

L'imbarcazione bella è robusta, custruita da un disegnu tradiziunale da l'isule Tuamotu in Polinesia francese, hà duie scafe lunghe 22 metri (72 piedi), unite da una piattaforma chì sustene una piccula casetta.

I mastelli gemelli si alzanu 13 metri (43 piedi) sopra u ponte è una pala di sterpa scolpita di 10 metri si estende indietro trà i scafi, ognuna di e quali cuntene ottu letti è spaziu di magazzinu.

Ancu sì identicu in a custruzzione, ognuna di e sei canoe serà finita in i culori distintivi, i motivi è a scultura da l'isule in cui sò stati inviati.

Mentre sò di cuncepimentu tradiziunale, i scafi sò fatti di vetraghju, è altri materiali muderni sò stati ancu aduprati. U tippu giustu di tronchi hè oramai praticamente impussibile à ottene è l'usu di a fibra di vetru significa chì e canoe dureranu più.

"L'impurtante di e canoe hè chì sò fideli à ciò chì l'antenati anu designatu", dice Nepia-Clamp.

In Nova Zelanda, Isule Cook, Fiji, Samoa, Samoa Americane è Tahiti, i capitani sò stati scelti è l'equipaghji cumincianu prestu à furmà per u viaghju epicu, cù un equipaggiu di Tonga chì pò esse aghjuntu dopu.

U viaghju rende omagiu à l'antichi viaghji - ciò chì u storicu neozelandese Kerry Howe di l'Università Massey descrive cum'è "una di e più grandi epiche umane".

In Vaka Moana (canoa oceanica), un libru Howe editatu nantu à u stabilimentu di u Pacificu, dice chì l'Isulani di u Pacificu anu sviluppatu a prima tecnulugia di l'acqua blu di u mondu.

"Cù a vela è l'outrigger, anu creatu navi sofisticate chì viaghjavanu in oceanu è l'anu fattu millaie d'anni nanzu à l'omu in altrò"

Finu à l'ultimi anni, parechji storichi anu cridutu chì i Polinesiani si eranu sparsi per u Pacificu per accidente, cù canoe spargugliate da venti sfavurevuli.

"Sò quandu eru à a scola, m'anu amparatu chì i nostri antenati polinesiani eranu viaghjatori accidintali, sò solu sbattuti in terra", dice Nepia-Clamp, chì hè stata implicata in a rinascita di u viaghju 30 anni fà.

"Ùn eranu micca viaghjatori accidentali, andavanu indietro è avanti una volta chì anu scupertu una terra, sò stati assai intenzionati in ciò chì anu fattu."

In l'anni settanta a Polinesian Voyaging Society hè stata creata per rinvivisce l'antiche abilità di navigazione è navigazione in Hawaii è per dimustrà chì a Polinesia puderia esse stallata cù canoe di viaghju à doppiu scafu è navigazione senza strumenti.

Più tardi in Nova Zelanda è in l'Isule Cook, sò state custruite dinò nuove canoe à vela, chì si uniscenu à e canoe hawaiane in un viaghju da Raiatea à Hawaii in u 1995.

Avà Pacific Voyaging Canoes hè un tentativu di allargà a rinascita attraversu a regione è incuraghjà più persone à amparà e cumpetenze tradiziunali.

L'attore neozelandese Rawiri Paratene, una stella di u filmu Whale Rider, hà ghjucatu un rolu vitale in l'ideazione di u cuncettu è in l'ottenimentu di finanziamenti da a fundazione ambientale oceanica tedesca Okeanos.

Al di là di u viaghju di l'annu prossimu, Nepia-Clamp vole chì e sucietà di viaghju in e varie isule continui à aduprà e canoe per educà i ghjovani isulani à e cumpetenze perse in un'epica di viaghji aerei.

Hà dighjà vistu a fiertà creata da a rinascita di u viaghju in Hawaii.

"Semu intruti in una classe in Molokai, u tettu era decoratu cù e custellazioni è tutti i zitelli pudianu chjamà qualsiasi stella chì era quì.

«Eranu fieri chì i so antenati pudessinu truvà a so strada è cunnoscenu e cumpetenze di ricerca di via ch'elli avianu usatu.

"Hè un gran sustegnu di orgogliu per ogni cultura indigena".

Print Friendly, PDF è Email

Doppu l'autore

Orsuvè

Redattore in capu hè Linda Hohnholz.