A Tanzania intraprende una ripressione maiò di falsi operatori turistici

Tanzania
Tanzania

U Sicritariu Permanente di e Risorse Naturali è u Ministru di u Turismu, u Maghju Generale Gaudence Milanzi, hà dettu in una dichjarazione chì u Statu hà lanciatu un'investigazione approfondita per scopre tutti i falsi operatori turistici. A Tanzania hè finalmente in traccia di affruntà falsi operatori turistici chì stanu sifunendu milioni di dollari da i portafogli di turisti insospettabili.

U Statu dice avà chì l'operatori turistici senza scrupuli danneghjanu micca solu a reputazione di u paese à l'oltremare, ma creanu dinò una cumpetizione ingiusta per i ghjucatori chì si conformanu o una indagine approfondita per scopre tutti i falsi operatori turistici.

"L'idea sana hè di mette in ballu una punizione severa contr'à i falsi operatori turistici per serve di lezzione à l'altri cun [una] mente simile", hà ammanitu u generale General Milanzi.

In Tanzania ci sò più di 1,401 cumpagnie di viaghji, i dati ufficiali mostranu, ma ci sò pochi 517 imprese furmali chì rispettanu a legge, cù u restu à i turisti insospettabili per preda d'elli.

L'Australian Revenue Authority (TRA) Arusha Regiunale Regiunale, u Signore Faustine Mdessa, hà dichjaratu chì 1,203 di e 1,401 cumpagnie turistiche avianu un Numeru d'identificazione di u Contribuente (TIN), ma à pena 517 rispettavanu sia in tuttu sia in parte.

Questu significa chì ci puderebbenu esse 884 impresi turistiche in valigetta chì operanu in Tanzania. Seguendu a tassa di Licenza di Business Turistica di Tanzania di 2,000 $, u Tesoru di u paese perde 1.8 milioni di dollari à i falsi operatori turistici ogni annu in forma di licenze solu.

L'Associazione Tanzania di Operatori Turistici (TATO) Chief Executive Officer, Mr. Sirili Akko, hà dettu: "Quelli chì ùn si conformanu micca solu ci arrubanu à tutti, ma creanu dinò una cumpetizione ingiusta per l'industria".

U presidente di u TATO, Mr. Wilbard Chambulo, invece, hà dichjaratu chì a so urganizazione ùn assumerebbe più a respunsabilità di i turisti chì affrontanu sfide in e so transazzioni cù cumpagnie chì ùn sò micca membri di TATO.

Ultimamente, ci sò stati casi gravi, cù alcuni chì equivalevanu à una fraudulenza sostanziale, cù turisti chì anu organizatu i so viaghji cù membri chì ùn sò micca TATO.

"Avemu agitu rapidamente per salvà tutte e vittime in bona fede è per motivi umanitarii per u scopu di prutege a destinazione Tanzania in u passatu", hà dettu u signor Chambulo.

"Per esempiu, avemu assistitu à certe vittime à ricuperà soldi è mandalli [li] ind'è elli in i so paesi rispettivi", hà dettu. TATO hà ancu copertu i costi di alloghju, trasportu è pasti per parechji ghjorni per altre vittime.

"Hè in u megliu interessu di TATO di vede i turisti chì utilizanu cumpagnie credibili per e so migliori esperienze in Tanzania", hà insistitu.

Curtis Crawford, una di e vittime, chì avia recuperatu cù successu i so soldi per mezu di TATO, esorta i turisti stranieri diretti in Tanzania à circà i vistimenti ch'elli anu sceltu.

«Aghju avutu una sperienza di viaghju tremenda cù un operatore turisticu tanzanianu (nome ritenutu). Avertaghju à l'altri turisti di ùn aduprà [un] falsu operatore turisticu », hà dettu Crawford eTurboNews quandu hè mandatu per email per cumentà u prublema.

"L'omu chì m'hà aiutatu à ritruvà i mo soldi da u tour operator hè Sirili Akko, CEO di TATO", hà ricurdatu, ammettendu, quantunque, chì e guide, purtatori è cucini tanzaniani eranu cunnosciuti, prufessiunali è travaglianti.

U turismu hè u più grande guadagnatore di cambiu di Tanzania, cuntribuisce una media di $ 2 più miliardi annui, chì hè equivalente à u 25 per centu di tutti i guadagni di scambiu, i dati di u guvernu indicanu.

U turismu cuntribuisce ancu à più di u 17 per centu di u pruduttu domesticu grossu naziunale (GPD), creendu più di 1.5 milioni d'impieghi.

Print Friendly, PDF è Email

Notizie Related