U Turismu in Tanzania lancia una catifa di benvenuta per 100 alpinisti

Ihucha-Tanzania
Ihucha-Tanzania

L'operatori turistici in Tanzania stendenu u tappettu rossu, fighjulendu una fetta di migliaia di alpinisti chì si prevede di cullà à i Sette Cime più tardi quest'annu.

I Sette Cime, un scopu cunnisciutu di l'alpinismo, sò e vette più alte di ognunu di i sette cuntinenti.

Arrampicà si à tutti i cimi hè cunsideratu cum'è una sfida alpinistica, realizata per a prima volta u 30 aprile 1985 da Richard Bass.

A riescita di i Sette Cime hè diventata nutata cum'è una riescita di scuperta è di muntagna.

Ghjovi u 23 d'Agostu di u 2018, i membri di l'Associazione Tanzania di Operatori Turistici (TATO) anu purtatu discussioni cù u presidente di u Global Expeditions Club Malaysia, Mr.

"Travaglieraghju cù l'ambasciata di Tanzania in Malesia per curà 100 alpinisti asiatichi per scalà u monte Kilimanjaro in u quadru di a sfida di i Sette Summits", hà dettu Mr. Tharumalingam à i membri TATO.

Hà capitu chì trè picchi vulcanichi in Africa, vale à dì u Monte Kilimanjaro (Tanzania), u Montu Kenya è Rwenzori in Uganda, facenu parte di a sfida di i Sette Cume di u 2018.

Tharumalingam, chì hà scalatu u monte Kilimanjaro sei volte, hà elogiatu i Parchi Naziunali di Tanzania (TANAPA) per a bona conservazione di a flora è a fauna nantu à a muntagna indipendente di u mondu.

"Un saccu hè statu migliuratu annantu à u monte Kilimanjaro, cumprese un parcu ben cunservatu è a prestazione di servizii di qualità, grazia à e cumpetenze di cumunicazione migliurate da parte di e guide turistiche", hà sottolineatu.

TATO Chief Executive Officer Mr. Sirili Akko, who spearheaded the talks, said the idea behind the meeting was part of comprehensive approach to promote Tanzania’s tourist attractions in , u più grande mercatu emergente di viaghju è turismu.

U Signore Akko hà dettu ancu chì TATO hà decisu di diversificà u so mercatu turisticu da e fonti longamente stabilite di i paesi occidentali è uni pochi omologhi africani.

E fonti turistiche tradiziunali di Tanzania sò i Stati Uniti, Gran Bretagna, Germania, Italia, Francia, Spagna è i paesi scandinavi.

Riceve ancu un numeru impurtante di turisti da Sudafrica è Kenya.

"Avemu avà generosamente lancendu e nostre porte aperte per i turisti da i paesi asiatici cum'è Malesia, India, Cina è Giappone", hà spiegatu u CEO di TATO.

Gabriel Daqqaro, cumissariu di u distrittu di Arusha, hà elogiatu TATO per avè guidatu un partenariatu publicu-privatu in u turismu, prumettendu di travaglià strettamente cù l'associazione per stimulare l'industria.

U turismu salvaticu hà attiratu più di 1 milione d'invitati in u 2017, guadagnendu à u paese 2.3 miliardi di dollari, equivalenti à quasi u 17.6 per centu di u PIB.

Inoltre, u turismu furnisce 600,000 impieghi diretti à i tanzaniani; più di un milione di persone guadagnanu un redditu da u turismu.

A Tanzania spera chì u numeru d'arrivi di turisti hà da toccu più di 1.2 milioni quest'annu, da un milione di visitatori in 2017, guadagnendu l'ecunumia vicinu à 2.5 miliardi di dollari, in più da 2.3 miliardi di dollari di l'annu scorsu.

According to the 5-year blueprint rolled out in 2013, Tanzania anticipates welcoming 2 million tourists by the close of 2020, boosting the revenue from the current $2 billion to nearly $3.8 billion.

Print Friendly, PDF è Email

Notizie Related