Israele: Un mercatu vivace per l'investimentu in ospitalità

0a1a-38
0a1a-38

U Summit inaugurale Israel Investment Investment (IHIS) si hè fattu in Hilton Tel Aviv in Novembre 2018. Parte di u Forum Internazionale di Investimenti Hoteleri (IHIF), a cunferenza hà creatu un ambiente per l'investitori di l'ospitalità è i principali attori di u mercatu per capisce a visione generale di u clima d'investimentu di u paese è e varie opportunità d'investimentu dispunibili.

Organizatu da Questex Hospitality Group è in cullaburazione cù u Ministeru di u Turismu israelianu, l'evenimentu hà accoltu più di 250 participanti, chì raprisentanu 15 paesi, di tuttu l'ecosistema di l'ospitalità. Ciò include 38 oratori leader di l'industria scelti per a so cunniscenza sperta è chì rapprisentanu tutte e discipline relative à l'industria. U prugramma curatu includia più di 13 ore di rete di qualità, critica per a furmazione di novi contatti d'affari è per cimentà e relazioni esistenti. Per sperimentà l'industria di l'ospitalità israeliana in prima persona, i delegati sò stati accolti sia à l'Orient Hotel sia à u Setai in Tel Aviv per visite private di entrambe e prupietà è una visita guidata di Ghjerusalemme per i clienti per capisce perchè a cità rimane cusì impurtante per u turismu.

Israele offre un clima d'investimentu di manuale; una mancanza di pruvista di bona qualità à mezu à un boom in u turismu entrante. Sicondu i dati di u Ministeriu di u Turismu israelianu, u paese hà avutu un incrementu di 80% in u numeru di visitatori dapoi u 2000 è cù più di 20 milioni di passeggeri internaziunali è circa 105,000 voli internaziunali chì passanu per l'aeroportu principale di u paese, l'Aeroportu Ben Gurion in 2017, ci hè senza dubbitu una dumanda per stu paese riccu di cultura. I mercati fonte principali sò l'USA, a Russia, a Francia, a Germania è u Regnu Unitu, è ci hè una dumanda crescente da a China.

Speaking during the conference, Navneet Bali, Chairman of Meininger Hotels said; “the supply demand dynamic is positive for hotel investment in Israel and favours the budget/economy or value orientated customer for which little supply of good quality currently exists”. This sentiment is also being echoed by the Ministry of Tourism in Israel who are encouraging more lower-priced accommodation to be provided. Innovation in technology was also discussed at the event as Israel is known as ‘the start-up nation’ and there is wide spread technological innovation across the travel and hotel industry. A number of start-up incubators and accelerators are working with local start-ups and hotel and travel brands to support an open and inclusive market. During a panel session discussing hotel investment in Israel, notable points included that whilst there are some differences between Israel and the rest of the world which investors and developers need to take into consideration (for example the need for and additional costs of security, kosher observance and the implications of Sabbath and religious festivals on staffing and operating costs) there is no difference in the way typical investors consider opportunities in Israel. All are seeking an adequate return on investment within a defined period but the delays encountered through the zoning and planning processes often mean that certain types of investors will not consider the country as their return expectations are timed out after five years or so. Long term investors, however, are not deterred. Conversion of existing buildings, typically offices, was seen as a faster way to increase the number of hotel rooms available, with zoning and planning consents likely to require a shorter timescale. A full round up of content from the event is available via the IHIS website.

U Ministru di u Turismu israelianu era un cumpagnu integrale di l'evenimentu è Yariv Levin, ministru di u Turismu in Israele hà dettu: "Ci hè un impetu tremendu in u turismu entrante in Israele chì hè fantasticu per u nostru paese è l'ecunumia. Tuttavia, duvemu furnisce una infrastruttura di ospitalità per supportà sta dumanda è supera e aspettative di i visitatori. Avè u Summit di Investimenti Hoteleri Israeliani in Tel Aviv hà furnitu a piattaforma perfetta per fà questu è descrive u potenziale d'investimentu in tuttu u paese à sviluppatori attivi è investitori. Ci hà ancu permessu di dettaglia i vari incentivi è sovvenzioni chì u nostru guvernu hà messu in opera per assicurà chì l'ambiente di l'ospitalità immubiliare in Israele sia una pruposta attraente quant'è pussibule ".

Alexi Khajavi, Direttore Generale di EMEA Hospitality + Travel Group, Questex hà dettu; "A nostra intenzione era di custruisce una cunferenza chì mette in evidenza e prospettive d'investimenti stranieri in l'industria immubiliare di l'ospitalità in Israele è di veramente fà luce nantu à quantu prufittu puderia esse stu paese per l'investitori. Simu cuntenti di u successu di IHIS è furnendu chì un'analisi approfondita accumpagnata da una rete di qualità à un livellu senior, anu livatu un avvenimentu chì duverà spinta u clima ecunomicu in a regione attraversu l'investimenti. Avemu l'ambizioni di purtà stu furmatu in altri paesi per travaglià cun elli per mette in mostra e so opportunità d'investimentu ".

Print Friendly, PDF è Email

Doppu l'autore

Redattore di Assignment Chief

L'editore capu di l'assignazioni hè Oleg Siziakov

eTurboNews | eTN