News

L'abitanti di l'Isula di Pasqua votanu per frenà l'immigranti

000ss_46
000ss_46
scrittu da santu Orsuvè

L'abitanti di l'Isula di Pasqua in u Pacificu di u Sud anu vutatu per limità l'immigrazione à mezu à e paure di soprapupulazione.

Print Friendly, PDF è Email

L'abitanti di l'Isula di Pasqua in u Pacificu di u Sud anu vutatu per limità l'immigrazione à mezu à e paure di soprapupulazione.

Più di 90% di quelli chì anu vutatu in u referendum di questu weekend anu dichjaratu chì sò preoccupati per un afflussu di residenti da u Cile.

U Cile hà amministratu u postu avanzatu di l'isula remota, famosa per e so statue in petra sculpita, dapoi u 19u seculu.

U referendum hè statu urganizatu da u guvernu cilenu, chì dice chì l'isula lotta per affruntà.

Cambiamentu custituziunale

Cù una populazione di solu 4,000 persone, l'Isula di Pasqua puderia ùn sembra tantu affollata.

Ma l'isula hè solu à 20 km da una punta à l'altra.

Hè ancu più di 2,000 chilometri da u cuntinente cilenu, chì genera generi di prublemi.

Eliminà i rifiuti in modu sustenibile, rispettosu di l'ambiente, per esempiu, diventa sempre più difficiule.

Circa 50,000 XNUMX turisti visitanu l'isula ogni annu per vede u famosu Maoi, e enigmatiche teste di petra sculpite chì sò spuntate intornu à l'isula.

Quandu u turismu hè aumentatu, centinaie di cileni sò partuti da u cuntinente per travaglià in hotel, bar è cum'è cunduttori di taxi.

U parlamentu cilenu deve avà appruvà un cambiamentu di a custituzione per mette in vigore e nuove regule.

Print Friendly, PDF è Email

Doppu l'autore

Orsuvè

Redattore in capu hè Linda Hohnholz.