U Turismu in Italia tira circa 40 miliardi di spese di viaghjatori internaziunali

italia
italia

U risultatu pusitivu in u 2018 per u turismu in Italia mostra una crescita di quasi 11%, cù circa 41.7 miliardi di euro spesi da i viaghjatori internaziunali paragunatu à 39.1 miliardi di euro in u 2017, cù un vulume di 25.5 miliardi di euro spesi da i taliani à l'esternu contr'à i 24.6 miliardi di euro da l'annu precedente, uguale à 16.2 miliardi d'euri.

Questa era a data più significativa prisentata in una cunferenza turistica in Italia è internaziunale. I risultati è e tendenze per l'entrata è a partenza in u 2019 sò stati urganizati da Ciset (Centru Internaziunale di Studii) nantu à l'Ecunumia Turistica Ca Foscari Università di Venezia in cullaburazione cù a Banca d'Italia in Treviso.

In bilanciu, una crescita significativa di i rivenuti internaziunali hè certificata per u turismu (+ 6.5%), paragunatu à una espansione più limitata di e spese (+ 3.8%). Durante a cunferenza, u prufilu è e preferenze di u turistu entrante di u territoriu talianu sò stati illustrati: itineranti, induve u paisaghju hè cum'è un mischju integratu di elementi à dì cultura è arte, natura, enogastronomia, tradizioni, è diventa l'attrazione principale in a scelta di a destinazione.

In detagliu, Mara Manente di Ciset hà rimarcatu chì a ricchezza generata da u turismu ferma polarizata in e prime 5 regioni turistiche: Lombardia, Lazio, Veneto, Toscana è Campania, chì rapprisentanu 67% di e spese di turisti internaziunali, cun qualchì rispettabile. spettaculi cum'è u rolu ecunomicu cunsulidatu di u turismu culturale tradiziunale, chì si stalla intornu à 15.7 miliardi d'euri, cù una tendenza decisamente più cuntenuta paragunatu à u periodu precedente di dui anni (+ 1.8%). Cunferma dinò i risultati eccellenti per u turismu in piaghja (6.6 miliardi d’euri, + 19.8%) è dinò a dinamica à duie cifre per e vacanze attive verdi di l'alimentazione è di u vinu (+ 17% di u fatturatu, uguale à 1.2 miliardi).

Infine, i risultati per u turismu in muntagna sò ancu assai pusitivi, cunfermendu a tendenza di ripresa digià registrata à partesi da u 2017 (1.6 miliardi di fatturati). In quantu à i principali bacini d'origine di i vacanzieri internaziunali, l'Europa Centrale si mantene assai bè, in particulare l'Austria (+ 11.5% di e spese) è a Germania (+ 8.1%).

Altrettantu pusitiva hè stata l'andata di u mercatu francese, chì hà spesu 2.6 miliardi d'euri (+ 8.8%) in Italia, sia in u Regnu Unitu sia in Spagna, tramindui in incrementi di duie cifre. Per u mercatu tedescu, in particulare, 2018 hè statu l'annu di ritrovu massicci di e spiagge italiane, da u Nordu Adriaticu à a Puglia, da a Liguria à a Calabria.

U costu tutale per e vacanze mare è sole hà superatu 2.2 miliardi, alluntanendu torna u sughjornu culturale, tradiziunale è marcatu da una sperienza di degustazione è di vacanze attive (1.75 miliardi di fatturatu, + 4.6%). L'apprezzamentu di i tedeschi per e muntagne taliane hè statu cunfirmatu, induve 600 milioni d'euros di spese sò stati superati.

Nant'à u fronti micca europeu, u rinfurzamentu di u mercatu americanu cuntinueghja (+ 5.8%), chì a so spesa media si stabilizza intornu à 170 euro à ghjornu. U risultatu u più significativu, però, si trova in a cuntribuzione economica di u turismu chinese chì, grazia à l'aumentu di i dui flussi è di a spesa media (176 euro), hà registratu un significativu + 45% di i rivenuti per vacanze.

Per u turismu russu è brasilianu, invece, hè stata segnalata una diminuzione di 10% è -6% di e spese di vacanze. Massimo Gallo, ufficiale di a Banca d'Italia, hà focalizatu l'attenzione nantu à i vacanzieri entranti, evidenzendu e concentrazioni in termini di caratteristiche, origine, tipu di vacanze è destinazione. L'Italia hà vistu cresce, in particulare, i turisti appartenenti à i gruppi di età più ghjovani è quelli chì venenu da e zone non europee, induve l'incidenza di i viaghjatori nantu à u bacinu potenziale di i residenti hè sempre bassa. Stu prufilu di viaghjatore (ghjovanu è micca europeu) hè assuciatu u più spessu cù e vacanze culturali - dapoi u 2010, ghjunti per vacanze culturali, o in cità d'arte), anu infatti registratu a più grande crescita, è ancu vacanze rurale è quelle in mare sò stati arricchiti di cuntenuti culturali è artistichi. E grande zone urbane, in particulare i siti Patrimoniu UNESCO, si sò rivelate destinazioni preferite.

Print Friendly, PDF è Email

Notizie Related