Turismu Asia Pacificu: 700 milioni d'arrivi internaziunali in u 2018 è in crescita

0a1a-162
0a1a-162

E destinazioni Asia Pacificu anu ricevutu collettivamente quasi 700 milioni d'arrivi di visitatori internaziunali (IVA) in u 2018, un aumentu di 7.7% nantu à a cifra 2017, secondu u PATA's Annual Tourism Monitor 2019 Early Edition publicatu oghje.

Stu raportu hè l'ultimu di una seria chì data di 1951 è, in questa edizione, copre 47 destinazioni in tutta a regione Asia-Pacificu. I dati cuntenuti in sta publicazione furniscenu dati utili, pratichi nantu à a struttura è i muvimenti di i viaghjatori è sò un input essenziale in i piani strategichi, di sviluppu è di marketing per tutti i fornitori di stu cuntributore significativu per l'ecunumie turistiche di a regione Asia Pacificu.

A risurrezzione da un volume d'arrivi di guasi 562 milioni in 2014, a crescita annuale di visitatori in è in tutta a regione di l'Asia Pacificu hè aumentata costantemente ogni annu, culminendu in 2018 à 699.6 milioni d'arrivi internaziunali.

A distribuzione di questi arrivi hè stata relativamente costante in l'ultimi cinque anni, ancu se favurisce marginalmente l'Asia, in gran parte à spese di l'Americhe.

In ognuna di queste regioni di destinazione ci sò differenze sia in destinazioni individuali sia à u livellu sottoregiunale. Trà 2014 è 2018 per esempiu, l'Asia sudorientale hà guadagnatu 1.34 punti di sparte in termini di IVA in è in tutta l'Asia Pacificu, mentre chì l'America di u Nordu hà persu 1.55 punti di sparte.

Ci hè parechji indicatori principali di interessu particulare à questu livellu, in particulare e prime cinque destinazioni per volume d'arrivate di visitatori in 2018. Chjaramente a Cina era a destinazione nùmeru per l'arrivi di visitatori, cù vicinu à 161 milioni in 2018. Questu solu representa 22.6% di u volumu totale di visitatori in è attraversu l'Asia Pacificu, in quellu annu.

E quattru destinazioni restanti in questa lista di i primi cinque coprenu l'America di u Nordu è Centrale, è l'Asia di u Nordeste è di l'Ovest. Cullettivamente, queste prime cinque destinazioni rappresentavanu 54.8% di u totalu di ghjunti di visitatori in è attraversu l'Asia Pacificu in 2018.

Un secondu indicatore di destinazione considera i primi cinque destinazioni chì anu ricevutu u più volume addizionale aghjuntu à i so rispettivi conti in entrata trà 2017 è 2018.

Questa lista particulare hè assai simile à a precedente, eccettu chì u Messicu hè statu rimpiazzatu da Macao, Cina. In tuttu, 12 destinazioni di e 47 coperte in questu rapportu anu aumentatu annuale di più di un milione di IVA per pezza trà 2017 è 2018.

Questu primu cinque gruppu hà ricevutu un totale di oltre 30 milioni d'arrivi addiziunali trà u 2017 è u 2018, chì era pocu più di u 59% di l'arrivi netti totali per l'Asia Pacificu in questu periodu.

Un terzu indicatore guarda a crescita à longu andà di e destinazioni Asia Pacificu, in particulare, e prime cinque destinazioni chì anu mostratu a crescita percentuale più forte in l'arrivi trà 2017 è 2018.

Mentre u vulume d'arrivi varieghja assai per a maiò parte di queste destinazioni, anu un interessu particulare postu chì a crescita annuale hè spessu un precursore di alcune opportunità turistiche significative chì si presentanu. A Turchia à stu riguardu, mostra chjaramente cumu si ripiglia da e recenti cuntrazioni in l'arrivata di i visitori, figurendu in i primi cinque listi per vulume è ritmu di crescita annuale.

Cusì dinò cù u Nepal, chì hè statu nantu à una forte pista di crescita dapoi parechji anni cunsecutivi avà è chì hà ricevutu più di un milione d'arrivi stranieri in un annu per a prima volta, in u 2018. In listessu modu, cù a Papua Nova Guinea chì hà hà rimbalzatu assai dapoi u 2016, crescendu assai u so tassu di crescita annuale dapoi tandu.

À longu andà - trà u 2014 è u 2018 - hè interessante vede e prime cinque destinazioni chì anu ricevutu u più volume di IVA addiziunale aghjuntu à i so conti entranti in quellu periodu. A Cina hè in cima à a lista cù più di 34.2 milioni d'arrivi addiziunali aghjuntu à u so numeru entrante, seguita da u Giappone cun un guadagnu vicinu à 17.8 milioni di IVA in quellu periodu è dopu da a Tailanda cù quasi 13.5 milioni di IVA in più.

U Messicu è u Vietnam chjodenu quellu top cinque elencu cù incrementi periodichi di 12.1 milioni di IVA è più di 7.6 milioni.

In modu simile, hè interessante di vede chì destinazioni Asia Pacificu anu avutu i tassi di crescita annuale media più forti (AAGR) trà 2014 è 2018, chì sta metrica pò spessu (ma micca sempre) indicà un ritmu di crescita più continuu cù u tempu. Hè evidenti chì u Giappone è u Vietnam in particulare anu allargatu u so numeru d'arrivi stranieri cun una certa forza, datu l'AAGRS di quasi 24% è 18% rispettivamente. Questu hè sustinutu da u fattu chì e duie destinazioni apparenze ancu in i primi cinque elenchi di l'incremento di numeri assoluti d'arrivi trà 2014 è 2018.

Curiosamente, u Nicaragua sembra avè fattu un bon comportamentu contr'à sta metrica trà u 2014 è u 2018, in ogni casu chì pare avà esse solu sbulicatu, date e questioni pulitiche chì sò state affruntate quì à u mumentu.

Inoltre, è basatu annantu à questi cinque risultati AAGR, l'Indonesia hè certamente una destinazione da seguità, cum'è Cipru in Asia Occidentale.

U CEO di PATA, u Duttore Mario Hardy, hà dettu chì, "in tutta l'Asia Pacificu, l'annu calendariu 2018 hà continuatu à dimustrà a volatilità in i mercati è e destinazioni, alcune causate da fattori esterni, cumprese a pulitica, ma altri da cambiamenti in i desideri, bisogni è preferenze di basa di i consumatori".

"Mentre a crescita fora di parechji mercati tradiziunali cumincia à oscillà o stagnà, almenu in alcune destinazioni, i mercati emergenti appena apparsu è offrenu opportunità per quelli abbastanza agili per non solu ricunnosce li, ma ancu per esse capace di cambià i so sforzi di marketing è di prumuzione in un avvisate u mumentu è catturà quelli fugace », aghjunse.

U Dr Hardy hà cunclusu chì, "tuttu cuntinueghja à cambià, à trasfurmassi è à evoluzione, ma avà si passa à velocità impensate di solu una decina d'anni fà. Cum'è un settore industriale impurtante mundiale, avemu bisognu di cambià ancu più veloce è avanzà à quella curva, se duvemu restà fattibili è significativi in ​​u futuru. Per fà ciò in modu efficace, cum'è tutti i settori di l'industria, avemu bisognu di informazioni più veloci è megliu nantu à quale agisce, sfruttate da a tecnulugia. Ùn hè più «affari cum'è di solitu».

Print Friendly, PDF è Email

Doppu l'autore

Redattore di Assignment Chief

L'editore capu di l'assignazioni hè Oleg Siziakov

eTurboNews | eTN