Esposizione Tivoli aperta à i turisti l'estate: Eva vs. Eva

eva-A.Bruciati-middle-Ms.-A.Russo-Ms.-D.Porro_
eva-A.Bruciati-middle-Ms.-A.Russo-Ms.-D.Porro_

À Villa d'Este in Tivoli, una mostra hè stata inaugurata è dedicata à u doppiu valore di u femininu in l'imaginariu occidentale, intitulata Eva vs. Eva. L'avvenimentu hè urganizatu in cullaburazione trà l'Istitutu Villa Adriana è Villa d'Este - Villae, u Museu Naziunale Rumanu, è u Parcu Archeologicu di Pompei. L'esposizione chjude u 1 di nuvembre di u 2019, dunque assai tempu per i turisti aghjunghje questu à u so itinerariu.

U spiritu ambivalente di e donne - da un simbulu rassicurante di maternità à a forza ambigua di a natura - caratterizza l'intera iniziativa. L'apparente dicotomia inerente à l'idea di u prugettu hè spressa in dui percorsi distinti, cumplementari è cunfinanti chì implicanu 2 lochi di e Villae: u pianu nobile di Villa d'Este è l'Antiquarium di u Santuariu di Ercole Vincitore.

Da e forme classiche à i suggerimenti cuntempuranei, in un ecu narrativu continuu, a mostra intende ripristinà a prufundità è a versatilità à e figure femminili chì a storia, l'immaginazione cullettiva è l'interpretazione anu appiattitu in un rolu o un stereotipu.

"Stu prughjettu cumplessu, articulatu intornu à a fascinazione di a figura femina, hè sustinutu", hà dichjaratu u direttore di a Villae, Andrea Bruciati, "da a cullaburazione cù eccellenze di a realtà di u museu naziunale, cum'è u Museu Rumanu Naziunale è u Parcu Archeologicu. di Pompeii ".

A vulintà hè di generà cunnessione nova è sperienze di cunniscenza per mezu di una narrazione polifonica è cumposta chì si sviluppa, cù parechje suggestioni trasversali, da l'iniziu di l'umanità à a rivoluzione di genere di u 20u seculu.

"L'esposizione, hà continuatu Daniela Porro, direttore di u Museu Naziunale Rumanu," ci permette di capisce i numerosi aspetti diversi di l'universu femminile, al di là di i stereotipi, attraversu figure mitiche è evucative cum'è a saggia Penelope, l'indomabile Medea, l'inghjuditante Sirene. , è dopu Livia, Agrippina, Giulia Domna - prutagunisti eccezziunali di a storia imperiale rumana.

"A mostra, cumandata è curata da u mo predecessore, Massimo Osanna", hà cunclusu Alfonsina Russo, direttore in funzione di u Parcu Archeologicu di Pompei, "cuntribuisce à a storia di a fascinazione è di a forza generativa chì caratterizanu a sfera femminile, Scuperti pompeiani, in particulare in a so dimensione d'ogni ghjornu.

"Hè dunque pussibule ammirà capolavori di u Museu Rumanu Naziunale, di u Parcu Archeologicu di Pompei è di Villa Adriana, riuniti in un solu parcorsu narrativu, ma ancu di numerose altre istituzioni, è di prestatori privati ​​chì anu generosamente cuntribuitu à a custruzzione di un prugettu da a direzzione imaginativa è corale ", hà cunclusu Osanna.

L'exposition est accompagnée d'un petit centre bibliographique et documentaire dédié aux femmes et au statut des femmes dans l'histoire, créé sur le site du sanctuaire d'Ercole Vincitore grâce à la collaboration avec l'Association Casa delle Donne Lucha y Siesta et avec le Municipal Bibbiuteca di Tivoli.

Tutta l'organizazione hè gestita da u CET - u Centru Europeu di Cultura è Spettaculu Turisticu - è hà u sustegnu di a Regione Lazio, Lazio Crea, è Intesa San Paolo. A guida è u catalogu di a mostra, editatu da Andrea Bruciati, Massimo Osanna è Daniela Porro, sò publicati da Gangemi.Infurmazioni.

Itinerariu di u battesimu di u Circuit Rose: "In nome di a rosa"

À u listessu tempu, Villa Adriana è Villa d'Este - Villae Institute anu accoltu u Battesimu di a Rosa, una ceremonia simbolica chì hà sanzionatu a participazione di Villa d'Este à u circuitu itinerante In nome di a Rosa, cuncipita più di 15 anni fà da Grandi Giardini Italiani, (grandi giardini italiani).

Questa hè una occasione di cunnosce o ritruvà e cullezzione impurtante di rose antiche è muderne à u mumentu di a so fiuritura massima, trà aprile è ghjugnu.

In Tivoli, in l'imponente giardinu chì circonda Villa d'Este, situatu in u Patrimoniu Mondiale di l'UNESCO, sò cultivate più di 250 varietà di rose, assai di e quali sò in grande evidenza mentre chì altri sò più discreti cà l'itinerarii i più impurtanti.

Un novu ibridu hè statu piantatu, appartenendu à a famiglia ibrida Thea, una rosa à grande fiore cù un abitudine verticale, fogliame densu è verde scuru, è hè assai resistente à e malatie.

I fiori sò purtati nantu à steli singuli in letti alzati, chì si aprenu pianu in doppia è grande corolla. U culore cambia da un rossu vellutatu in germoglio à una tonalità cremisi mentre u fiore si apre. U prufume hè particularmente intensu, caratterizatu da fragranze tipiche di Rosa damascena, (a Rosa di Damascu) cù un aghjuntu di note fruttate; l'altezza hè intornu à 70-90 cm. A varietà hà una grande capacità per fiorisce finu à a fine di u vaghjimu.

"U giardinu di Villa d'Este", hà dettu u direttore di i Villae, Andrea Bruciati, "s'apre in i cantoni induve l'essenze di fiori dominanu staghjunalmente u rigore di e siepi sempreverdi. E rose suggerenu un tour diversu, sinesteticu, à u quale hè aghjuntu un novu ibridu prestigiosu.

U battesimu di a Rosa celebra l'appartenenza di Villa d'Este à u circuitu di i Grandi Giardini Italiani, chì include realità prestigiose per impurtanza botanica, estetica è artistica.

Judith Wade, CEO di Grandi Giardini Italiani, è Vittorio Barni, direttore marketing RoseBarni Srl, anu assistitu à l'eventu. Infurmazione: [email prutettu]

Print Friendly, PDF è Email

Notizie Related