ETV 24/7 BreakingNewsShow : Cliccate nantu à u buttone di volumu (in basso à sinistra di u schermu video)
Cliccate quì s'ellu hè u vostru comunicatu di stampa!

Novi risultati di Jupiter da a NASA Juno Probe

scrittu da santu Orsuvè

Nuvelle scuperte da a sonda Juno di a NASA chì orbita Jupiter furnisce una stampa più completa di cumu e caratteristiche atmosferiche distintive è culurite di u pianeta offrenu indizi nantu à i prucessi invisibili sottu i so nuvuli. I risultati mettenu in risaltu u funziunamentu internu di e cinture è e zoni di nuvole chì circundanu Jupiter, è ancu i so cicloni polari è ancu a Great Red Spot.

Print Friendly, PDF è Email

I ricercatori anu publicatu parechji articuli nantu à e scuperte atmosferiche di Juno oghje in a rivista Science è Journal of Geophysical Research: Planets. Documenti supplementari apparsu in dui numeri recenti di Lettere di Ricerca Geofisica.

"Queste novi osservazioni da Juno aprenu un tesoru di nova infurmazione nantu à l'enigmatici caratteristiche osservabili di Jupiter", disse Lori Glaze, direttore di a divisione di scienza planetaria di a NASA in a sede di l'agenzia in Washington. "Ogni documentu mette in luce nantu à diversi aspetti di i prucessi atmosferichi di u pianeta - un maravigliu esempiu di cumu e nostre squadre scientifiche internaziunali rinfurzanu a cunniscenza di u nostru sistema solare".

Juno hà intrutu in l'orbita di Jupiter in 2016. Duranti ognuna di i 37 passaghji di u pianeta di a nave spaziale finu à a data, una suite specializata di strumenti hà sguardu sottu u so turbulente nuvola.

"In precedenza, Juno ci hà sorpresu cù suggerimenti chì i fenomeni in l'atmosfera di Jupiter sò andati più profondi di ciò chì s'aspittava", hà dettu Scott Bolton, investigatore principale di Juno da u Southwest Research Institute in San Antonio è autore principale di u paper Journal Science nantu à a prufundità di i vortici di Jupiter. "Ora, avemu principiatu à mette tutti sti pezzi individuali inseme è ottene a nostra prima vera cunniscenza di cumu funziona a bella è viulente atmosfera di Jupiter - in 3D."

U radiometru à microonde di Juno (MWR) permette à i scientisti di a missione di sguardu sottu à e cime di a nuvola di Jupiter è sondanu a struttura di e so numerose tempeste vortex. U più famosu di sti timpeste hè l'iconicu anticiclone cunnisciutu cum'è Great Red Spot. Più largu chè a Terra, stu vortice crimson hà intrigatu i scientisti da a so scuperta quasi dui seculi fà.

I risultati novi mostranu chì i cicloni sò più caldi in cima, cù densità atmosferiche più bassu, mentre ch'elli sò più freti à u fondu, cù densità più altu. Anticicloni, chì giranu in a direzzione opposta, sò più freti in cima, ma più caldi in fondu.

I scuperti indicanu ancu chì sti timpeste sò assai più alti di l'aspittatu, cù alcuni chì si estendenu 60 miles (100 chilometri) sottu à e cime di a nuvola è altri, cumpresu u Great Red Spot, chì si estendenu più di 200 miles (350 chilometri). Questa scuperta sorpresa dimostra chì i vortici coprenu regioni oltre quelli induve l'acqua si cundensa è si formanu nuvole, sottu à a prufundità induve a luce di u sole riscalda l'atmosfera. 

L'altezza è a dimensione di u Great Red Spot significa chì a cuncentrazione di massa atmosferica in a tempesta puderia esse rilevata da strumenti chì studianu u campu di gravità di Jupiter. Dui survolti vicinu Juno sopra u locu più famosu di Jupiter anu datu l'uppurtunità di circà a firma di gravità di a tempesta è cumplementà i risultati MWR nantu à a so prufundità. 

Cù Juno chì viaghja bassu nantu à a piattaforma di nuvola di Jupiter à circa 130,000 mph (209,000 kph) i scientisti di Juno anu pussutu misurà i cambiamenti di velocità cum'è 0.01 millimetri per secondu utilizendu una antenna di tracciamentu di a rete spaziale profonda di a NASA, da una distanza di più di 400 milioni di miglia (650). milioni di chilometri). Questu hà permessu à a squadra di limità a prufundità di u Great Red Spot à circa 300 miles (500 chilometri) sottu à e cime di nuvola.

"A precisione necessaria per ottene a gravità di a Great Red Spot durante u flyby di lugliu 2019 hè stupente", hà dettu Marzia Parisi, scientist Juno da u Laboratoriu di Propulsione à Jet di a NASA in u Sud di California è autore principale di un articulu in u Journal Science nantu à i survoli di gravità Grande macchia rossa. "A pudè cumplementà a scuperta di MWR nantu à a prufundità ci dà una grande fiducia chì i futuri esperimenti di gravità in Jupiter daranu risultati ugualmente intriganti". 

Cinture è Zone

In più di i cicloni è l'anticicloni, Jupiter hè cunnisciutu per i so cinture è e zoni distintivi - bande di nuvole bianche è rossi chì s'imbulighjanu intornu à u pianeta. Forti venti est-ovest chì si movenu in direzzione opposta separanu e bande. Juno hà scupertu prima chì questi venti, o jet streams, righjunghjenu a prufundità di circa 2,000 3,200 miglia (circa XNUMX XNUMX chilometri). I ricercatori sò sempre à pruvà à risolve u misteru di cumu si formanu i flussi di jet. I dati raccolti da u MWR di Juno durante i passaggi multipli revelanu un indiziu pussibule: chì u gasu ammoniaca di l'atmosfera viaghja in alta è in discendenza in un allinamentu notevule cù i flussi di jet osservati.

"In seguitu à l'ammonia, avemu trovu cellule di circulazione in l'emisferu nordu è sudu chì sò simili in natura à "cellule Ferrel", chì cuntrolanu gran parte di u nostru clima quì nantu à a Terra", hà dettu Keren Duer, un studiente graduatu di l'Istitutu Weizmann. of Science in Israel è autore principale di l'articulu di u Journal Science nantu à e cellule Ferrel-like in Jupiter. "Mentre chì a Terra hà una cellula Ferrel per emisferu, Jupiter hà ottu - ognunu almenu 30 volte più grande".

I dati MWR di Juno mostranu ancu chì e cinture è e zoni sò sottumessi à una transizione à circa 40 miglia (65 chilometri) sottu i nuvuli d'acqua di Jupiter. À prufundità pocu, i cinture di Jupiter sò più brillanti in u lume di micru chì i zoni vicini. Ma à livelli più profondi, sottu à i nuvuli d'acqua, u cuntrariu hè veru - chì palesa una similitudine cù i nostri oceani.

"Chiamemu stu livellu "Jovicline" in analogia à una capa di transizione vista in l'oceani di a Terra, cunnisciuta cum'è a termoclina - induve l'acqua di mare passa bruscamente da esse relativamente calda à relativa friddu", disse Leigh Fletcher, un scientist participant à Juno di l'Università. di Leicester in u Regnu Unitu è ​​​​autrice principale di u documentu in u Journal of Geophysical Research: Planets chì mette in risaltu l'osservazioni di Juno à microonde di e cinture temperate è e zone di Jupiter.

Cicloni polari

Juno hà scupertu prima disposti poligonali di tempeste cicloniche giganti in i dui poli di Jupiter - ottu disposti in un mudellu ottagonale in u nordu è cinque disposti in un mudellu pentagonale in u sudu. Avà, cinque anni dopu, i scientisti di missione chì utilizanu osservazioni da u Jovian Infrared Auroral Mapper (JIRAM) di a nave spaziale anu determinatu chì questi fenomeni atmosferichi sò estremamente resistenti, restendu in u stessu locu.

"I cicloni di Jupiter affettanu u muvimentu di l'altru, facendu chì oscillanu annantu à una pusizioni d'equilibriu", disse Alessandro Mura, co-investigatore Juno à l'Istitutu Naziunale di Astrofisica in Roma è autore principale di un documentu recente in Lettere di Ricerca Geofisica nantu à oscillazioni è stabilità. in i cicloni polari di Jupiter. "U cumpurtamentu di queste oscillazioni lente suggerisce chì anu radiche prufonde".

I dati JIRAM indicanu ancu chì, cum'è l'uragani nantu à a Terra, sti cicloni volenu spustà u polu, ma i cicloni situati à u centru di ogni polu li spinghjenu in daretu. Stu equilibriu spiega induve residenu i cicloni è i numeri diffirenti in ogni polu. 

Print Friendly, PDF è Email

Doppu l'autore

Orsuvè

Redattore in capu hè Linda Hohnholz.

Lascia un Comment