Ultime Notizie Internaziunali Education News Tourism News di Filu di Viaghju USA Breaking News

L'acqua nantu à a Terra: hè veramente venuta da a polvera spaziale ?

Space Dust porta l'acqua à a Terra
scrittu da santu Linda S. Hohnholz

Una squadra internaziunale di scientisti pò avè risoltu un misteru chjave annantu à l'urighjini di l'acqua in a Terra, dopu avè scupertu novi evidenza persuasive chì indicanu un improbabile culprit - u Sun.

Print Friendly, PDF è Email

In un novu documentu publicatu oghje in u ghjurnale Astronomia di a natura, una squadra di circadori da u Regnu Unitu, l'Australia è l'America descrizanu cumu una nova analisi di un anticu asteroide suggerisce chì i grani di polveri extraterrestri portanu l'acqua à a Terra cum'è u pianeta furmatu.

L'acqua in i grani hè stata prodotta da intemperie spaziale, un prucessu da u quali particeddi carichi da u sole cunnisciuti cum'è ventu solare alteranu a cumpusizioni chimica di i grani per pruduce molécule d'acqua. 

A scuperta puderia risponde à a longa quistione di induve a Terra inusualmente ricca d'acqua hà avutu l'oceani chì coprenu u 70 per centu di a so superficia - assai più cà qualsiasi altru pianeta rocciosu in u nostru Sistema Solare. Puderia ancu aiutà e future missioni spaziali à truvà fonti d'acqua in mondi senza aria.

I scientisti planetarii anu perplessu per decennii nantu à a fonte di l'oceani di a Terra. Una teoria suggerisce chì un tipu di roccia spaziale chì porta l'acqua cunnisciuta cum'è asteroidi di tipu C puderia avè purtatu. acqua à u pianeta in i stadi finali di a so furmazione 4.6 miliardi d'anni fà.  

Per pruvà sta teoria, i scientisti anu analizatu prima l'"impronta digitale" isotopica di pezzi di asteroidi di tippu C chì sò cascati à a Terra cum'è meteoriti di condriti carbonati ricchi d'acqua. Se u rapportu di l'idrogenu è u deuteriu in l'acqua di meteorite currisponde à quellu di l'acqua terrestre, i scientisti puderanu cuncludi chì i meteoriti di tipu C eranu a fonte prubabile.

I risultati ùn eranu micca cusì chjaru. Mentre chì l'impronte digitali di deuteriu / idrogenu di certi meteoriti ricchi d'acqua anu daveru cuncordatu cù l'acqua di a Terra, assai ùn anu micca. In media, l'impronte di u liquidu di sti meteoriti ùn sò micca allineati cù l'acqua truvata in u mantellu è l'oceani di a Terra. Invece, a Terra hà una impronta isotopica diversa, ligeramente più ligera. 

In altri palori, mentre chì una parte di l'acqua di a Terra deve esse venuta da meteoriti di tipu C, a Terra formante deve avè ricevutu l'acqua da almenu una fonte più isotopica chì hè urigginata in un altru locu in u Sistema Solare. 

A squadra guidata da l'Università di Glasgow hà utilizatu un prucessu analiticu d'avanguardia chjamatu tomografia di sonda atomica per esaminà campioni da un altru tipu di roccia spaziale cunnisciuta cum'è un asteroide di tippu S, chì orbita più vicinu à u sole cà i tipi C. I campioni chì anu analizatu venenu da un asteroide chjamatu Itokawa, chì sò stati cullati da a sonda spaziale giapponese Hayabusa è riturnati à a Terra in u 2010.

A tomografia di a sonda atomica hà permessu à a squadra di misurà a struttura atomica di i grani un atomu à u mumentu è detectà e molécule d'acqua individuali. I so scuperte dimustranu chì una quantità significativa d'acqua hè stata prudutta ghjustu sottu à a superficia di grani di polvera da Itokawa da l'intemperie spaziale. 

U primu sistema solare era un locu assai polveroso, chì furnisce una grande quantità di l'oppurtunità d'acqua per esse pruduciutu sottu a superficia di particelle di polvera spaziale. Questa polvera ricca d'acqua, i circadori suggerenu, averia piovutu nantu à a Terra primitiva à fiancu à l'astéroïde di tipu C cum'è parte di a spedizione di l'oceani di a Terra.

Dr Luke Daly, di a Scola di Scienze Geografiche è di a Terra di l'Università di Glasgow, hè l'autore principale di u paper. U duttore Daly hà dettu: "I venti solari sò flussi di principalmente ioni di l'idrogenu è l'eliu chì scorrenu constantemente da u sole in u spaziu. Quandu quelli ioni di l'idrogenu chjappà una superficia senza aria cum'è un asteroide o una particella di polvera spaziale, penetranu uni pochi decine di nanometri sottu à a superficia, induve ponu influenzà a cumpusizioni chimica di a roccia. À u tempu, l'effettu di "intemperie spaziale" di l'ioni di l'idrogenu pò ejectu abbastanza atomi d'ossigenu da i materiali in a roccia per creà H.2O - acqua - intrappulati in minerali nantu à l'asteroide.

"Crucialmente, questa acqua di u ventu solare derivata da u primu sistema solare hè isotopicamente ligera. Ciò suggerisce fermamente chì a polvera fina, sbattuta da u ventu solare è attirata in a Terra formante miliardi di anni fà, puderia esse a fonte di u reservoir mancante di l'acqua di u pianeta.

U prufessore Phil Bland, un John Curtin Distinguished Professor in a Scola di a Terra è di Scienze Planetarie di l'Università di Curtin è coautore di u documentu hà dettu: "A tomografia di a sonda atomica ci permette di piglià un sguardu incredibilmente detallatu in i primi 50 nanometri o più di a superficia. di grani di polvera nantu à Itokawa, chì orbita u sole in cicli di 18 mesi. Ci hà permessu di vede chì stu fragmentu di bordu di l'intemperie spaziale cuntene abbastanza acqua chì, se l'avemu scalatu, ammontarebbe à circa 20 litri per ogni metru cubu di roccia ".

U coautore Prof. Michelle Thompson di u Dipartimentu di Scienze di a Terra, l'Atmosfera è i Planetarii di l'Università Purdue hà aghjustatu: "Hè u tipu di misurazione chì simpricimenti ùn saria micca pussibule senza sta tecnulugia notevuli. Ci dà un insight straordinariu in quantu minuscule particelle di polvera chì flottanu in u spaziu puderanu aiutà à equilibrà i libri nantu à a cumpusizioni isotopica di l'acqua di a Terra, è ci danu novi indizi per aiutà à risolve u misteru di e so origini.

I circadori anu pigliatu assai cura per assicurà chì i risultati di e so teste eranu precisi, impegnendu esperimenti supplementari cù altre fonti per verificà i so risultati.

U duttore Daly hà aghjustatu: "U sistema di tomografia di a sonda atomica in l'Università di Curtin hè di classe mundiale, ma ùn era mai statu veramente usatu per u tipu d'analisi di l'idrogenu chì avemu fattu quì. Vulemu esse sicuru chì i risultati chì avemu vistu eranu precisi. Aghju prisintatu i nostri risultati preliminari à a cunferenza di Scienze Lunari è Planetarii in 2018, è aghju dumandatu s'ellu ci sò culleghi presenti ci aiutanu à cunvalidà e nostre scuperte cù i so campioni. À a nostra gioia, i culleghi di u NASA Johnson Space Center è l'Università di Hawai'i in Mānoa, Purdue, Virginia è Università di l'Arizona di u Nordu, i laboratorii naziunali di l'Idaho è Sandia offrianu tutti per aiutà. Ci anu datu campioni di minerali simili irradiati cù l'heliu è u deuteriu invece di l'idrogenu, è da i risultati di a sonda atomica di quelli materiali hè diventatu prestu chjaru chì ciò chì avemu vistu in Itokawa era d'origine extraterrestre.

"I culleghi chì offrenu u so sustegnu à sta ricerca sò veramente un squadra di sognu per l'intemperie spaziale, cusì simu assai entusiasmati da l'evidenza chì avemu cullatu. Puderia apre a porta à una cunniscenza assai megliu di ciò chì pareva u primu Sistema Solare è cumu si sò furmati a Terra è i so oceani ".

U prufessore John Bradley, di l'Università di Hawai'i à Mānoa, Honolulu, un coautore di u documentu, hà aghjustatu: Finu à una decina d'anni fà, a nozione chì l'irradiazione di u ventu di u sole hè pertinente à l'origine di l'acqua in u sistema solare. , assai menu pertinenti à l'oceani di a Terra, saria statu accoltu cù scetticismu. Dimustrendu per a prima volta chì l'acqua hè prudutta in situ nantu à a superficia di un asteroide, u nostru studiu si basa nantu à l'accumulazione di evidenza chì l'interazzione di u ventu di u sole cù grani di polveri ricchi d'ossigenu pruduce veramente acqua. 

"Siccomu a polvera chì era abbundante in tutta a nebulosa solare prima di l'iniziu di l'accrezione planetesimale era inevitabbilmente irradiata, l'acqua prodotta da stu mecanismu hè direttamente pertinente à l'urigine di l'acqua in i sistemi planetarii è possibbilmente a cumpusizioni isotopica di l'oceani di a Terra".

E so stime di quantu l'acqua puderia esse cuntenuta in e superfici intempestive di u spaziu suggerenu ancu un modu chì i futuri esploratori spaziali puderanu fabricà pruvisti d'acqua ancu in i pianeti più apparentemente aridi. 

U prufessore coautore Hope Ishii di l'Università di Hawai'i à Mānoa hà dettu: "Unu di i prublemi di l'esplorazione spaziale umana futura hè cumu l'astronauti truveranu abbastanza acqua per mantene in vita è rializà i so compiti senza purtari cun elli in u so viaghju. . 

« Nous pensons qu'il est raisonnable de supposer que le même processus d'altération spatiale qui a créé l'eau sur Itokawa s'est produit à un certain degré sur de nombreux mondes sans air comme la Lune ou l'astéroïde Vesta. Chistu puderia significà chì l'espluratori spaziali puderanu esse capace di processà l'acqua fresca direttamente da a polvera nantu à a superficia di u pianeta. Hè eccitante di pensà chì i prucessi chì anu furmatu i pianeti puderanu aiutà à sustene a vita umana mentre ghjunghjemu oltre a Terra ". 

U duttore Daly hà aghjustatu: "U prughjettu Artemis di a NASA si mette à stabilisce una basa permanente nantu à a Luna. Se a superficia lunare hà un reservoir d'acqua simili proveniente da u ventu solare chì sta ricerca hà scupertu nantu à Itokawa, rapprisenta una risorsa enormosa è preziosa per aiutà à ottene quellu scopu ".

U documentu di a squadra, intitulatu "Contribuzione di u Ventu Solare à l'Oceani di a Terra", hè publicatu in Astronomia di a natura. 

I ricercatori di l'Università di Glasgow, l'Università di Curtin, l'Università di Sydney, l'Università di Oxford, l'Università di Hawai'i à Mānoa, u Museu di Storia Naturale, u Laboratoriu Naziunale di Idha, Lockheed Martin, i Laboratori Naziunali Sandia, u NASA Johnson Space Center, l'Università di Virginia, l'Università di l'Arizona di u Nordu è l'Università Purdue anu cuntribuitu à u paper. 

Print Friendly, PDF è Email

Doppu l'autore

Linda S. Hohnholz

Linda Hohnholz hè stata a redattore in capu di eTurboNews per parechji anni.
Li piace à scrive è face attenzione à i dettagli.
Hè ancu incaricata di tuttu u cuntenutu premium è di i comunicati stampa.

Lascia un Comment