Cina minaccia l'atleti olimpichi di "certi punizioni" per parlà

Cina minaccia l'atleti olimpichi di "certi punizioni" per parlà
Cina minaccia l'atleti olimpichi di "certi punizioni" per parlà

E tensioni pulitiche sò in ebollizione davanti à u spettaculu, chì principia u 4 di ferraghju, datu u boicottamentu diplomaticu di u Olimpiadi di Pechino di u 2022 guidatu da i Stati Uniti è sustinutu da altri paesi cum'è u Regnu Unitu è ​​​​l'Australia in prutesta per l'abusi di i diritti umani in Cina. 

In una cunferenza di stampa u marti, subdirector di relazioni internaziunali per u Olimpiadi di Pechino U cumitatu d'urganizazione, Yang Shu, hà dettu chì l'atleti puderanu esse colpiti cù l'annullamentu di a so accreditazione o "certi punizioni" alternativi per avè a so voce intesa nantu à a condotta di u Partitu Comunista Cinese.

"Ogni espressione chì hè in linea cù u Sciacca u spiritu sò sicuru chì serà prutettu ", disse Yang.

"Ma ogni cumpurtamentu o discorsu chì hè contru à e lege è i regulamenti chinesi sò ancu sottumessi à una certa punizione".

Cum'è i diritti umani è i specialisti in difesa di l'atleti avvisanu l'atleti di ùn aspittà micca a prutezzione di u Cumitatu Olimpicu Internaziunale (CIO) s'ellu parlanu nantu à tematiche cum'è a pupulazione musulmana Uighur in Cina, u sciatore nordicu americanu Noah Hoffman hà dettu chì Team USA hà digià dettu à e so stelle di alluntanassi di tali temi per u so propiu benessiri.

"L'atleti anu una piattaforma incredibile è a capacità di parlà, per esse capi in a sucità. Eppuru a squadra ùn li lascia micca fà dumande nantu à certi prublemi davanti à questi Ghjochi ", hà dettu u 32 anni. "Questu mi fa arrabbiare."

"Ma u mo cunsigliu à l'atleti hè di stà in silenziu perchè minacciaria a so propria sicurità è ùn hè micca una dumanda raghjone di l'atleti. Puderanu parlà quandu tornanu ", aghjunse.

Intantu, u direttore generale di Global Athlete, Rob Koehler, hà dumandatu à u CIO per cunfirmà chì sustenerà i cuncurrenti chì parlanu di i diritti umani.

"Hè assulutamente ridiculu chì dicemu à l'atleti di stà tranquilli", Koehler si esitò. "Ma u CIO ùn hè micca esce in modu proattivu per indicà chì li prutegerà.

"U silenziu hè cumplicità è hè per quessa chì avemu preoccupazioni. Dunque, cunsigliemu à l'atleti di ùn parlà micca. Vulemu chì cumpetenu, è aduprà a so voce quand'elli vanu in casa ", hà dettu.

Print Friendly, PDF è Email

Notizie Related