A nova infurmazione nantu à cumu a diafonia trà e cellule pancreatiche pò guidà a forma rara di diabete

scrittu da santu Orsuvè

L'enzimi digestivi mutanti s'aggreganu in e cellule beta chì producenu insuline vicine, inducendu una cundizione ereditata chì pò mette in luce nantu à altre malatie di u pancreas.

Print Friendly, PDF è Email

In u pancreas, e cellule beta chì producenu insuline sò raggruppati cù altre cellule endocrine chì producenu l'hormone è circundate da cellule exocrine pancreatiche chì secrenu enzimi digestivi. I ricercatori di u Joslin Diabetes Center anu avà dimustratu cumu una forma di a malatia ereditaria rara cunnisciuta cum'è diabete maturu di u ghjovanu (MODY) hè guidata da enzimi digestivi mutati generati in cellule exocrine pancreatiche chì sò poi assunte da e cellule beta secretori d'insulina vicine.

Questa scuperta pò aiutà à capiscenu altre malatie di u pancreas, cumpresa a diabetes mellitus 1 o 2, in quale a diafonia moleculare anormale trà sti dui gruppi di cellule puderia ghjucà un rolu dannusu, hà dettu l'investigatore senior di Joslin Rohit N. Kulkarni, MD, PhD. Co-Section Head of Joslin's Islet and Regenerative Biology Section è Prufessore di Medicina in a Harvard Medical School.

A maiò parte di e versioni di MODY sò causati da una sola mutazione in i geni chì esprimenu proteine ​​​​in e cellule beta. Ma in una forma di MODY chjamata MODY8, un genu mutatu in e cellule exocrine vicine hè cunnisciutu per inizià stu prucessu dannosu, hà dettu Kulkarni, autore currispundente nantu à un documentu di Metabolism Naturale chì presenta u travagliu. I scientisti in u so labburatoriu anu scupertu chì in MODY8, l'enzimi digestivi generati da stu gene mutatu aggregate in e cellule beta è deterioranu a so salute è a funzione di liberazione d'insulina.

"Mentre u pancreas endocrine è exocrine formanu duie parti distinte cù funzioni disparate, a so stretta relazione anatomica forma u so destinu", disse Sevim Kahraman, PhD, un ricercatore postdoctorale in u laboratoriu Kulkarni è autore principale di u paper. "A cundizione patologica chì si sviluppa in una parte impedisce l'altru".

"Ancu se MODY8 hè una malatia assai rara, pò mette in luce nantu à i meccanismi generali implicati in u sviluppu di a diabetes", disse Anders Molven, PhD, un autore cuntributore è Prufessore à l'Università di Bergen in Norvegia. "I nostri scuperti dimustranu cumu un prucessu di malatia chì principia in u pancreas exocrine pò eventualmente affettà e cellule beta chì producenu insulina. Pensemu chì un tali crosstalk exocrine-endocrine negativu puderia esse particularmente pertinente per capiscenu certi casi di diabete di tipu 1 ".

Kulkarni spiegò chì u genu mutatu CEL (carboxyl ester lipase) in MODY8 hè ancu cunsideratu un genu di risicu per a diabetes mellitus 1. Chistu susciteghja a quistione se certi casi di diabete di tippu 1 presentanu ancu sti proteini mutanti aggregati in cellule beta, disse.

U studiu hà iniziatu da mudificà una linea cellulare exocrina umana (acinar) per sprime a proteina CEL mutante. Quandu e cellule beta sò state bagnate in suluzione da e cellule exocrine mutate o normali, e cellule beta piglianu sia e proteine ​​​​mutate sia normali, purtendu un numeru più altu di proteine ​​​​mutate. I prutiìni nurmali sò stati degradati da i prucessi regulari in e cellule beta è sparivanu annantu à parechje ore, ma i proteini mutanti ùn anu micca, invece di furmà aggregati di prutezione.

Allora cumu questi aggregati affettanu a funzione è a salute di e cellule beta? In una seria di esperimenti, Kahraman è i so culleghi anu dimustratu chì e cellule ùn anu micca secretatu l'insulina ancu à a dumanda, proliferavanu più lentamente è eranu più vulnerabili à a morte.

Ella cunfirmò sti risultati da e linee di cellule cù esperimenti in cellule di donatori umani. Dopu, hà trasplantatu cellule exocrine umane (di novu chì esprimenu l'enzima digestiva mutata o normale) cù e cellule beta umane in un mudellu di mouse cuncepitu per accettà e cellule umane. "Ancu in quellu scenariu, puderia dimustrà chì a proteina mutata hè tornata più presa da a cellula beta in paragunà à a proteina normale, è forma aggregati insolubili", disse Kulkarni.

Inoltre, esaminendu pancreases da e persone cun MODY8 chì sò morti per altre cause, l'investigatori anu vistu chì e cellule beta cuntenenu a proteina mutata. "In i donatori sani, ùn avemu micca truvatu ancu a proteina normale in a cellula beta", disse.

"Questa storia MODY8 hà iniziatu inizialmente cù l'osservazione clinica di i pazienti cun diabete chì anu ancu prublemi digestivu, chì hà purtatu à a ricerca di un denominatore geneticu cumuni", hà dettu Helge Raeder, MD, coautore è Prufessore à l'Università di Bergen. "In u studiu attuale, chjudemu u circhiu liendu meccanicamente sti risultati clinichi. Contrariamente à e nostre aspettative, una enzima digestiva normalmente destinata à l'intestinu hè stata invece ingannata per entra in l'isoletta pancreatica in u statu malatu, cumprumette in ultimamente a secrezione d'insulina ".

Oghje, e persone cun MODY8 sò trattati cù insulina o droghe orali per a diabetes. Kulkarni è i so culleghi cercheranu modi per cuncepisce terapii più adattati è persunalizati. "Per esempiu, pudemu dissolve questi aggregati di prutezione, o limità a so aggregazione in a cellula beta?" disse. "Pudemu piglià spunti da ciò chì hè statu amparatu in altre malatie cum'è a malatia di Alzheimer è a malatia di Parkinson chì anu un mecanismu di aggregazione simili in e cellule".

Print Friendly, PDF è Email

Doppu l'autore

Orsuvè

L'editore in capu di eTurboNew hè Linda Hohnholz. Hè basata in l'eTN HQ in Honolulu, Hawaii.

Lascia un Comment

eTurboNews | eTN