U plasma da e persone chì si sò recuperati da COVID-19 ponu aiutà i pazienti attuali

scrittu da santu Orsuvè

Trasfusioni di plasma di sangue donate da e persone chì si sò digià ricuperate da l'infezzione cù u virus pandemicu ponu aiutà à altri pazienti hospitalizzati cù COVID-19, mostra un novu studiu internaziunale.          

Print Friendly, PDF è Email

U trattamentu, cunnisciutu cum'è plasma cunvalescente, hè sempre cunsideratu sperimentale da l'Food and Drug Administration (FDA) di i Stati Uniti. U plasma cuntene anticorpi, proteini di sangue chì sò parti di u sistema immune. I ricercatori dicenu chì l'anticorpi s'appoghjanu è ponu attaccà à u virus chì provoca COVID-19, SARS-CoV-2 è l'etichettanu per esse eliminati da u corpu.

Cumandatu da circadori di a NYU Grossman School of Medicine, u studiu hà dimustratu chì trà 2,341 omi è donne, quelli chì anu ricevutu una iniezione di plasma cunvalescente subitu dopu l'uspidale eranu 15% menu probabili di mori in un mese da COVID-19 cà quelli chì ùn anu micca. ricevenu plasma cunvalescente o quelli chì anu ricevutu un placebo saline inattivu.

In particulare, i circadori anu truvatu chì i più grandi benefizii per a terapia eranu trà i pazienti chì anu più risicu per cumplicazioni severi per via di cundizioni preesistenti, cum'è a diabetes o a malatia di u cori. U trattamentu, chì cuntene anticorpi è altre cellule immune necessarie per luttà contra l'infezzione, pare ancu benefiziu à quelli chì anu u sangue di tipu A o AB.

I risultati di u studiu attuale, publicatu in a rivista JAMA Network Open in linea u 25 di ghjennaghju, venenu da a cumminazione di l'infurmazioni di i pazienti da ottu studii recentemente finiti in i Stati Uniti, Belgio, Brasile, India, Paesi Bassi è Spagna nantu à l'effetti di cunvalescenti. plasma per COVID-19.

Questi benefici di u trattamentu sò solu prubabilmente diventate chjaru quandu più dati da i prucessi sò dispunibuli, dice Troxel, un prufissore in u Dipartimentu di Salute di a Populazione in NYU Langone. Questu hè chì i dati di prucessi individuali sò troppu chjuchi per mostrà l'impattu generale di u trattamentu nantu à i sottogruppi di pazienti, dice. Certi studii individuali anu dimustratu a terapia per esse inefficace o di valore limitatu.

U co-investigatore di studiu Eva Petkova, PhD, dice chì a squadra usa i so dati di studiu per creà un sistema di puntuazione di descrittori di i pazienti, cumprese l'età, u stadiu di COVID-19, è e malatie co-esistenti, facendu più faciule per i clinichi per calculà quale stà. per prufittà più di l'usu di plasma cunvalescente.

Per u studiu, i circadori anu raggruppatu tutte l'infurmazioni di i pazienti da investigazioni cliniche più chjuche è separate nantu à a terapia di plasma convalescente, cumprese prucessi in NYU Langone, Albert Einstein College of Medicine è Montefiore Medical Center, Zuckerberg San Francisco General Hospital, è l'Università di Pennsylvania in Filadelfia. I ricercatori speravanu chì qualsiasi beneficiu o svantaghju in u trattamentu seria più faciule per vede trà u più grande mostra pussibule di pazienti. Tutti i prucessi sò stati randomizzati è cuntrullati, chì significheghja chì u paci hà avutu una chance aleatoria di esse assignatu per riceve plasma cunvalescente o micca per riceve.

Includite in l'analisi eranu dati da un altru studiu multicentru americanu publicatu separatamente in dicembre 2021 in JAMA Internal Medicine. Ddu studiu in 941 pazienti hospitalizzati cù COVID-19 hà dimustratu chì i pazienti chì ricevenu dosi elevate di terapia di plasma cunvalescente è micca in altri medicazione, cum'è remdesivir o corticosteroidi, puderanu prufittà di u trattamentu di plasma di sangue. L'investigatore co-primariu di u studiu Mila Ortigoza, MD, PhD, un prufissore assistente in i Dipartimenti di Medicina è Microbiologia di NYU Langone, dice chì questi risultati iniziali sustenevanu l'idea chì u plasma cunvalescente puderia esse una opzione di trattamentu fattibile, soprattuttu quandu altre terapie ùn sò micca ancora. dispunibule, cum'è à l'iniziu di una pandemia.

Inoltre, u plasma cunvalescente raccoltu da donatori previamente infettati è successivamente vaccinati (VaxPlasma) cuntene anticorpi in quantità abbastanza elevate è diversità chì puderanu furnisce una prutezzione supplementaria contr'à varianti virali emergenti, dice Ortigoza. I virus sò tipicamente mutate geneticamente (acquistà cambiamenti casuali in i so codici di DNA o RNA) in u cursu di ogni pandemia. Per quessa, u plasma cunvalescente hà u putenziale di offre un trattamentu efficace più rapidamente dopu tali mutazioni cà i tipi di trattamentu chì tendenu à esse menu efficaci cù u tempu è deve esse sottumessi à un prucessu di re-design per affruntà una nova variante, cum'è trattamenti di anticorpi monoclonali.

 

Print Friendly, PDF è Email

Doppu l'autore

Orsuvè

L'editore in capu di eTurboNew hè Linda Hohnholz. Hè basata in l'eTN HQ in Honolulu, Hawaii.

Lascia un Comment

eTurboNews | eTN