L'Enviatu di a Tanzania in Cina svela u Pianu per Attrae Più Turisti Cinesi

L'Enviatu di a Tanzania in Cina svela u Pianu per Attrae Più Turisti Cinesi
L'Enviatu di a Tanzania in Cina svela u Pianu per Attrae Più Turisti Cinesi

Un inviatu di a Tanzania in Cina hà svelatu u so ambiziosu pianu mentre cerca di fà cresce u numeru di turisti cinesi chì visitanu u paese di l'Africa orientale è a regione in generale.

Si crede chì A Tanzania hà accoltu guasi 10,000 XNUMX turisti da China in 2019.

Sicondu u studiu di u China Outbound Tourism Research Institute (COTRI), circa 4.31 milioni di cinesi anu visitatu l'Africa in u 2018.

Mbelwa Kairuki, chì hà scontru recentemente membri di l'Associazione Tanzania di Operatori Turistici (TATO) in a capitale di u circuitu turisticu di u nordu di Arusha, hà infurmatu a strategia è li hà incaricatu nantu à cume penetrà in u mercatu cinese cù a più grande populazione di u mondu di più di 1.4 miliardi di persone.

Statistiche di China Tourism Academy, un gruppu di riflessione sottu à u Ministeriu di a Cultura è di u Turismu, mostra chì u paese hà u mercatu di u turismu fora di u mondu, cù 157 milioni di cittadini cinesi prughjettati di visità altri paesi o regioni solu questu annu.

Un raportu publicatu da l'amministrazione statale di cambià in uttrovi di l'annu scorsu dice chì i turisti cinesi anu spesu 127.5 miliardi di dollari à l'esteru in a prima metà di u 2019.

U rapportu dice chì u 54 per centu di e spese di i turisti cinesi sò rimasti in u cuntinente asiaticu mentre u 24 per centu si n'andò in America, u 13 per centu in Europa è u restu in altre regioni, cumpresu l'Africa.

Kairuki hà dettu chì l'operatori turistici tanzaniani anu da creà una piattaforma di prenotazione in ligna apposta per prumove i so servizii turistici in Cina.

A piattaforma cun software per a gestione di riservazione permette à i tour operator di accettà prenotazioni in ligna cù i so telefunini di telefuninu.

U software rende ancu più faciule per i turisti di riservà ogni volta ch'elli volenu è dà à l'operatori turistici stanza per cuncentrassi nantu à i so servizii invece di chjamà i so invitati per ricordi.

"L'ambasciata hè in leia cù diversi attori per creà a piattaforma per i turisti cinesi per fà riservazioni in ligna", hà dettu l'inviatu.

Kairuki hà dettu chì l'ambasciata era ancu in traccia di creà un situ web apposta per prumove l'attrazioni turistiche di a Tanzania in Cina.

U situ web, chì applicà a tecnulugia 5G, seria ospitu in Cina. "L'ambasciata hè, in più, in cuntattu cù a impresa in Shanghai per prumove u situ web nantu à e plataforme di rete suciale chinesi ", spiegò.

Kariuki hà invitatu tutti i ghjucatori di l'industria à mandà particulari di e so imprese à l'ambasciata per affissà li nantu à u situ web.

I particulari includenu nomi di una impresa, u so indirizzu e-mail, situ web, numaru di telefunu è un codice QR WECHAT.

"L'ambasciata supplica à tutti i ghjucatori di l'industria di apre un contu WECHAT in una prova per facilità a vostra cumunicazione cù i vostri clienti chinesi", hà dettu.

A causa di u guvernu di a Cina chì pruibisce WhatsApp, Facebook è Twitter; WECHAT hè una principale piattaforma di media suciale in u paese. Ancu in usu sò WEIBO è QQ.

WECHAT, chì hè sincronizatu cù i servizii finanziarii è di traduzzione, in più di a cumunicazione, hè a piattaforma suciale suciale favurita di a China.

L'inviatu, chì hè ancu accreditatu in Vietnam, Mongolia è a Repubblica Democratica di Corea, hà invitatu ancu ogni ghjucatore di l'industria à aduprà u situ web per prumove l'attrazioni dotate di u paese.

"L'ambasciata urge ancu à tutti i ghjucatori à participà à u Mercatu Turisticu di Viaghju è Turismu in China di trè ghjorni per cumincià u 1 d'aprile di u 2020", hà dettu Kairuki.

Un altru spettaculu chì i ghjucatori ùn devenu mai mancà hè a Fiera di u viaghju mundiale di Shanghai prevista per u 23 à u 26 d'aprile 2020, cù un spettaculu stradale chì si tenerà durante u listessu mese, hà dettu.

Sirili Akko, CEO di TATO, hà accoltu bè a strategia di Kairuki cù l'ochju di penetrà cun forza in u mercatu turisticu cinese.

«A Tanzania hà una miriade d'opportunità, ancu in turismu è investimenti. I membri di u TATO sò pronti à firmà un partenariatu cù i so omologhi cinesi per benefici mutuali ", hà dettu.

John Corse, un tour operator di Serengeti Balloon Safaris, hà dettu: "C'est un mouvement sans précédent, nous sommes en effet reconnaissants envers l'Ambassadeur Mbelwa Kairuki."

Attualmente e statistiche mostranu chì u numeru di turisti chì anu giratu in Tanzania in u 2018 era di 1.3 milioni è u Guvernu mira à attirà 2 milioni di turisti in u 2020.

U turismu hè u più grande guadagnatore di cambiu in Tanzania, cuntribuisce una media di 2.5 miliardi di dollari à l'annu, chì hè equivalente à u 25 per centu di tutti i guadagni di scambiu, i dati di u guvernu indicanu.

U turismu cuntribuisce ancu à più di u 17.5 per centu di u pruduttu domesticu grossu naziunale (GPD), creendu più di 1.5 milioni d'impieghi.

Print Friendly, PDF è Email

Notizie Related