Ultime Notizie di Viaghju Affari di u guvernu Notizie di viaghju in Ghjurdanu Altri Securità Attualità Turistiche Aghjurnamentu di a destinazione di viaghju Notizie in Viaghju News di Filu di Viaghju

Coronavirus una minaccia di sicurezza in Mediu Oriente: Risposta militare

Sceglite u vostru lingua
Coronavirus una minaccia di sicurezza in Mediu Oriente: Risposta militare
Coronavirus una minaccia di sicurezza in Mediu Oriente: Risposta militare
scrittu da santu A Linia Media

In Giordania, l'armata hà pigliatu e strade u 17 di marzu per cuntrullà u coprifocu per via di u Coronavirus COVID-19, dopu à l'attivazione da parte di u guvernu di a Legge di Difesa chì hà intrutu in u regnu in un statu di emergenza. I citadini chì anu violatu u curfew in Amman è in altrò sò stati arrestati è rinviati per pussibule persecuzione penale.

Paese dopu paese hà annunziatu novi misuri d'urgenza per affruntà a trasmissione rapida di u rumanzu coronavirus in u Mediu Oriente. U più recente hè statu a Tunisia, postu chì u presidente Kais Saied hà urdinatu l'armata luni per rinfurzà u curfew da 6 pm à 6 am chì hè statu messu in piazza u 18 di marzu. U paese nordafricanu hà identificatu 89 casi di u virus COVID-19; trè persone sò morte sin'à avà, è una s'hè ripresa.

Moeen al-Taher, analista puliticu giurdanu-palestinianu è scrittore à l'Istitutu di Studii Palestinesi in Amman, hà dettu à The Media Line chì l'armata giurdana è e forze di securità anu da impone a nova realità di i limiti à u muvimentu. «A ghjente qui teme l'armata; hà prestigiu è rispettu trà i Ghjurdani. U dispiegamentu di l'armata hà fattu chì a ghjente piglia a serietà à a materia "

Taher hà dettu chì e persone in i paesi europei, cù i so sistemi demucratici, ùn anu micca rispettatu l'istruzzioni, mentre a Cina hà pussutu, per mezu di u so sistema dittatoriale, mette u virus in cuntrollu. "In ogni casu, u nostru prublema oghje hè di mette fine à u coronavirus, micca per rinvivisce a demucrazia", ​​hà dettu.

"Ogni paese face e so circustanze per trattà a nova crisa; u rolu di l'armate hè impurtante quì, ma deve esse spiegatu è limitatu à un periudu di tempu limitatu ", hà dettu.

"A participazione di l'armata deve esse cuntrullata, è deve esse sottumessa à u livellu puliticu in u regnu, per evità qualsiasi disaccordu in un tempu caoticu chì puderia trasformassi in una lotta di putere", hà dettu.

Taher hà dettu chì u coronavirus creerà una nova realità per a sucietà internaziunale, chì a natura dipende da a manera chì a malattia hè stata trattata.

U regnu hà identificatu 112 casi di COVID-19, a malatia respiratoria causata da u novu coronavirus; nimu ùn hè mortu, è una persona hà recuperatu.

In Egittu dapoi a mità di marzu, l'armata hà cooperatu cù l'istituzioni statali per luttà contr'à u virus per mezu di misure cum'è u magazzinu di l'alimenti è a furmazione nantu à e misure preventive. Inoltre, u Dipartimentu di Incendii è Salvataggio di e Forze Armate hà furnitu à i veiculi di spenghjifocu cù suluzioni antisettiche per a disinfettazione dopu una pussibile esposizione è per sterilizà i spazii aperti. Dumenica, un ufficiale di l'armata egiziana hè mortu dopu avè statu infettatu da u novu coronavirus in u so travagliu.

Amani El-Tawil, avucatu è direttore di prugramma in u Centru Al-Ahram per Studii Politichi è Strategichi in u Cairo, hà dettu à The Media Line chì a participazione di l'armata hà fattu sensu per una varietà di ragioni, in particulare chì u virus puderia esse parte di una campagna di guerra biologica.

"L'armata egiziana hà una unità di guerra chimica [è biologica], chì hè a parte di l'armata chì duverebbe esse rispunsevule di trattà u fugliale coronavirus, è micca tutte e branche di l'armata", hà dettu El-Tawil.

Inoltre, hà dettu chì COVID-19 puderia esse adupratu cum'è strumentu in u quadru di a rivalità trà i Stati Uniti è a Cina per a leadership mundiale. "In ogni casu, cumu i stati trattanu di a pandemia di coronavirus influenzeranu l'equilibriu puliticu internaziunale".

El-Tawil hà dettu chì l'Egiziani anu accettatu u rolu di l'armata, chì anu capitu a seria minaccia di u virus per a sicurezza publica è a sicurezza naziunale.

U Paese di u Nilu hà identificatu 327 casi di COVID-19; 14 persone sò morte, è 56 si sò recuperate.

U 21 di marzu, u Primu Ministru Hassan Diab hà incaricatu l'armata è e forze di securità di assicurà chì e persone stessinu in casa per cuntrastà a trasmissione di u virus, dopu chì u numeru di casi sia aumentatu à più di 200 malgradu e chjame precedenti da parte di u guvernu chì urgei à i cittadini di ùn mette in periculu elli stessi è l'altri.

Abd Joumaa, un attivistu puliticu basatu in Beirut, hà dettu à The Media Line chì i libanesi ùn eranu micca fastidiosi affattu da u rolu di l'armata in a lotta contru u coronavirus, ma piuttostu l'accoltu è benedettu. Alcuni cittadini anu dumandatu ulteriori misure rigorose à a luce di l'emergenza.

"À questu stadiu, e forze di securità anu aghjustatu e prucedure per chì e persone ùn sianu micca permesse di lascià e so case à menu chì sia urgente, è quelli chì vanu in i posti sbagliati, chì ùn sò micca in supermercati è farmacie, sò accusati d'amende da forze cumune tracciate da tutti i servizii di securità libanesi ", hà dettu Joumaa.

Hà aghjustatu chì i travagliadori chì ùn sò micca in i settori sanitarii, medichi è alimentarii chì anu lasciatu a so casa sò stati ammintati dinò.

U Paese di i Cedri hà identificatu 267 casi di COVID-19; quattru persone sò morte è ottu si sò ricuperate.

In Arabia Saudita, u rè Salman hà urdinatu un curfew à partesi di u 23 di marzu è durà 21 ghjorni, da 7 pm à 6 am, chì richiede à i residenti di stà in casa s'ellu ùn hè micca assolutamente necessariu.

Nanzu, u regnu hà suspesu l'entrata di stranieri di i paesi i più colpiti da u virus è hà pruibitu à i musulmani stranieri di viaghjà à a Mecca è Medina per u pellegrinaghju Umrah, chì pò esse realizatu in ogni mumentu di l'annu.

Suliman al-Ogaily, un membru di u cunsigliu di direttori di a Società Saudi per Scienze Politiche, hà dettu à The Media Line chì l'armata ùn era micca stata impiegata per luttà contr'à u coronavirus, ma piuttostu i servizii di sicurezza sottu l'autorità di u Ministeru di l'Interior. "U nostru esercitu hè spargugliatu à e fruntiere per prutege u regnu; l'ordine di u rè ùn includia micca l'armata, postu chì l'Arabia Saudita evitava di dà ogni impressione chì u prublema di coronavirus hà un elementu di sicurezza ", hà dettu Ogaily.

Hà signalatu chì l'ordini riali sò cunsiderati leggi in Arabia Saudita, è dunque l'implicazione di e forze di securità in l'applicazione di a lege hè legittima. "A natura di u virus, chì si sparghje rapidamente, hà dumandatu à l'autorità di radduppià e misure chì sò state prese u 27 di ferraghju, postu chì u numeru di casi infettati da COVID-19 hà passatu 500", hà dettu.

Hà aghjustatu chì in a cultura araba, ci hè una tradizione di riunioni è eventi suciali custanti, in particulare a sera, chì spiega i tempi di u coprifu. «L'autorità ùn puderanu micca frenà tutte e pratiche tradiziunali in una volta; anu avutu da piglià più misure per assicurà chì qualsiasi attività tradiziunale chì aiuta à trasmette u virus sia fermata ".

Ogaily hà datu cum'è esempiu cume l'Arabia Saudita avia messu in attesa a pratica di a preghera cullettiva. "Dunque, annullà e riunioni di persone è impone u coprifu avà hè accettabile", hà dettu.

U regnu hà identificatu 562 casi di u virus COVID-19; nimu hè mortu, è 19 persone si sò ricuperate.

Israele prevede di spende 14 milioni di dollari in apparecchiature mediche per e Forze di Difesa di Israele (IDF), hà dichjaratu u 11 di marzu u Ministeru di a Difesa, quandu l'armata si preparava à affrontà u focu di coronavirus.

Yaakov Amidror, anzianu cunsiglieru israelianu in securità naziunale, hà dettu à The Media Line chì, finu à avà, Israele si occupa di a pandemia cum'è una questione civile. Tuttavia, in casu di curfew cumpletu, l'IDF duveria aiutà i pulizzeri, chì ùn avianu micca bastone di persunale per rinfurzà lu in tuttu u paese.

"Ognunu hà parenti in l'armata, allora u dispiegamentu di l'armata ùn seria micca un prublema quì", hà dettu Amidror.

Lior Akerman, analista puliticu israelianu è generale di brigata in pensione, hà dettu à The Media Line chì a gestione di a crisa di coronavirus ùn era micca diretta da l'armata o da e forze di securità. "In cunfurmità cù a decisione di u guvernu, a piattaforma tecnologica di l'Agenzia di Sicurezza di Israele [a Shin Bet] hè aduprata per localizà i pazienti potenziali chì eranu vicini identificati pazienti di corona" seguendu i telefoni cellulari, aghjunse.

Akerman hà rimarcatu chì in u scenariu di una chjusura tutale forzata, ùn ci seria altra scelta chè di fidà si à a pulizza è u persunale militare.

"I SU usanu ancu i suldati di a Guardia Naziunale in tempi di crisa, cum'è tutti i paesi europei", aghjunse. "Stu tipu di crisa deve esse gestita da i sistemi civili è sanitarii, cù e forze di securità limitate à aiutà in un rolu di pulizia".

Israele hà identificatu 1,442 casi di COVID-19; una persona hè morta è 41 si sò recuperati.

Dumenica, u Primu Ministru di l'Autorità Palestinese, Mohammad Shtayyeh, hà urdinatu un arrigistramentu di duie settimane in cità è paesi palestinesi, eccettu l'installazioni sanitarie, farmacie, panifici è butteghe di alimentari, spieghendu e forze di sicurezza cum'è forze di l'ordine per assicurassi chì i cittadini restanu in casa soia.

L'Autorità Palestinese hà identificatu 59 casi (57 in Cisjordania è dui in a Striscia di Gaza) di COVID-19; nimu hè mortu, è 17 persone si sò ricuperati.

Source: https://themedialine.org/by-region/corona-as-security-threat-mideast-states-call-out-army/

Print Friendly, PDF è Email
>