News

U filmu Lost in Thailand aiuta à guidà u boom turisticu chinese

persu in Tailanda_0
persu in Tailanda_0
scrittu da santu Orsuvè

Chì hà da fà u filmu più fatturante di a Cina continentale di u 2012 cù un boom turisticu in Tailanda?

Print Friendly, PDF è Email

Chì hà da fà u filmu più fatturante di a Cina continentale di u 2012 cù un boom turisticu in Tailanda? A terra di i surrisi - una volta a destinazione scelta per i turisti maschili di mezza età, i tedeschi è i giappunesi in l'anni 1980, seguita da taliani è russi in decennii successivi, hà avà un novu zitellu in u bloccu - turisti cuntinentali cinesi.

Culpa à "Perdu in Tailanda", un film di successu direttu da Xu Zheng esciutu à a fine di u 2012 chì traccia i sfrutti di dui imprenditori cinesi in bumbling è di un turistu in Tailanda. Circundendu a pupularità di u filmu, prevedibilmente choc-a-bloc cù icone tailandesi da donne-maschera à statue buddiste, l'agenzie di viaghji cinesi si sò alluntanate prestu da offra giri à misura in i lochi chjave figurati in u filmu, assai di i quali hè statu giratu in Chiang Mai, in tempu per a festa di l'annu novu lunare. Stime iniziali numeranu turisti in cuntinente chì visitanu a Tailanda annantu à l'annu novu lunare 2013 in 270,000, ciò chì, annantu à una basa annualizzata, face di i turisti cuntinentali cinesi a più grande fonte di turismu entrante in Tailanda.

Benintesa, ci hè più in u boom turisticu di u cuntinente in Tailanda cà u filmu solu. Grazie à u miglioramentu di l'infrastrutture è di un guvernu stabile, u turismu entrante cresce. In u 2012, i numeri di turisti anu righjuntu un record di 22.2 milioni, quasi 15 per centu annantu à u 2011 malgradu l'inundazioni chì paralizanu a maiò parte di Bangkok à a fine di u 2011 è à u principiu di u 2012. è rapprisenta a più grande fonte unica di turismu entrante in u paese. Una di e ragioni principali di u diluviu hè stata a rapida crescita di i trasportatori low cost chì servenu Bangkok cum'è hub regiunale, rendendu u viaghju in Tailanda accessibile à parechji viaghjatori à redditu bassu.

Cù u mudernu Aeroportu Suvarnabhumi di Bangkok (codice BKK) chì supera a capacità di cuncepimentu per a maiò parte di u 2012, a ripresa cumpleta di l'operazioni in l'anticu aeroportu Don Mueang di Bangkok (codice DMK) in u terzu quartu hà apertu assai capacità novi per i trasportatori low cost. Un altru fattore hè stata a cunnessione migliata trà a Cina è a Tailanda, in u quadru di a pulitica "andà à punente" di Pechino (cuncepita per rinfurzà l'investimenti in pruvincie di l'internu) cù 7 trasportatori di u cuntinente chì facenu avà rotte aeree dirette in Tailanda da e grande cità di u cuntinente. A Tailanda hà ancu fattu una mossa intelligente offrendu visa turistici à i turisti cuntinentali subitu à l'arrivu senza avè bisognu di pre-candidà.

A serendipità hà ancu pussutu ghjucà un rolu. Dopu à l'iniziu di l'ostilità sino-giappunesi à a fine di u 2012, i visitori di u cuntinente in Giappone, chì avianu in media 140,000 à u mese finu à tandu, sò calati di guasi 40 per centu in uttrovi.

A Tailanda hà chjaramente pigliatu una parte di u flussu turisticu da u Giappone.

Significativamente, a Tailanda hè una di e poche nazioni di l'Asia sudorientale cù quale a Cina ùn hà micca una disputa territoriale in u Mare di a Cina Meridionale. Osservatori anu suggeritu ancu chì a Tailanda hà cuminciatu à attirà assai turisti cinesi di classe media chì pò nurmalmente visità l'Isula Hainan o u Vietnam, per e vacanze tradiziunali in mare è sabbia durante i mesi invernali. L'autorità turistica tailandese prevede 3.3 milioni di visitatori continentali quest'annu da un totale di 24.5 milioni di turisti. A stima pò esse cunservativa basata annantu à una crescita annuale di u 90 per centu di l'arrivi di u cuntinente in Tailanda in i primi dui mesi di u 2013.

L'autore, Andrew J. Wood, hè Direttore di Worldwide Destinations Asia Co. Ltd. www.worldwidedestinationsasia.com

Print Friendly, PDF è Email

Doppu l'autore

Orsuvè

Redattore in capu hè Linda Hohnholz.